Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Corso di Laurea Magistrale in Design

Regolamento

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Design

 

Obiettivi formativi specifici del Corso

Il corso di Laurea Magistrale in Design si prefigge lo scopo di formare un progettista in grado di confrontarsi con le dinamiche d'innovazione e di ricerca relative al sistema prodotto - come mix di comunicazione, prodotto e servizio; ciò gestendo tutte le fasi del processo progettuale dalla elaborazione delle strategie, al concept, fino alla realizzazione del progetto esecutivo.
A tal fine il laureato del Corso di studio in Design presenterà competenze relative ai materiali ed alle tecnologie, nei processi di gestione e controllo, nelle tecniche di rappresentazione tradizionali ed innovative, conoscerà i metodi di analisi delle innovazioni socio-culturali e delle tendenze di mercato, praticherà i metodi e gli strumenti del progetto relativo al prodotto, la comunicazione ed il servizio.
I laureati in design opereranno come liberi professionisti, in studi di progettazione, all'interno di imprese o comunque di strutture interessate alle tematiche in oggetto.
L'analisi dell'articolata realtà produttiva del territorio toscano e, più in generale, italiano e le consultazioni con le principali organizzazioni di categoria hanno messo in evidenza la necessità di creare una figura professionale che operi sulla progettazione del sistema prodotto dalla fase ideativa fino a quella di vendita ed assistenza post-vendita.
Il laureato magistrale del corso di Design dovrà possedere le conoscenze metodologiche e di processo per la gestione della fase
  • ideativa di un prodotto (dalla strategia al progetto esecutivo),
  • ideativa dell'oggetto d'uso in relazione alle tendenze di mercato;
  • di progetto di un prodotto materiale ed immateriale
  • di pre-ingegnerizzazione, prototipazione, industrializzazione
  • ideativa della comunicazione riferita all'azienda e ai suoi prodotti e, più in generale, del committente;
  • di produzione e diffusione della comunicazione.

Il laureato Magistrale in Design sarà inoltre in grado di utilizzare fluentemente in forma scritta e orale almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano.


Requisiti di accesso ai corsi di studio

All'iscritto alla Laurea Magistrale in Design sono richieste in entrata:
  • competenze relative al disegno a mano libera;
  • la conoscenza base di programmi di disegno 2D e 3D;
  • la conoscenza base di programmi per la comunicazione;
  • conoscenze base sui materiali ed i processi produttivi;
  • nozioni relative alla storia del design;
  • nozioni di base relative alle scienze sociali ed al marketing.

Tali conoscenze sono acquisite attraverso il possesso di Laurea di I livello nella Classe L-4 Disegno industriale o di altra Laurea o Titolo equiparato italiano o straniero riconosciuto idoneo.
Per gli studenti madrelingua italiana l'ammissione al corso è comunque subordinata alla conoscenza (livello B2) di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano; mentre per gli altri è richiesta la conoscenza della lingua italiana - livello B2 - certificato.

 
Accedono al Corso di Laurea Magistrale i laureati in Disegno industriale (classe L-4) purché in possesso di un numero di crediti relativi al SSD ICAR/13 non inferiore a 36 CFU.
Accedono altresì alla valutazione, sempre con il vincolo per l'iscrizione del possesso di almeno 36 CFU nel SSD ICAR/13, i laureati in classi di laurea:

  • L-3 DISCIPLINE DELLE ARTI FIGURATIVE, DELLA MUSICA, DELLO SPETTACOLO E DELLA MODA
  • L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE
  • L-17 SCIENZE DELL'ARCHITETTURA
  • L-21 SCIENZE DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, URBANISTICA, PAESAGGISTICA E AMBIENTALE
  • L-25 SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI
  • L-43 TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI


Il Comitato per la Didattica valuta il percorso formativo e attribuisce eventuali integrazioni curriculari, che devono essere soddisfatte prima dell'iscrizione alla Laurea Magistrale.
Nel caso di votazione di Laurea inferiore a 95/110 il Comitato per la Didattica effettua un colloquio e una valutazione del portfolio ai fini della verifica della preparazione personale.
Il giudizio del Comitato è insindacabile.


Articolazione delle attività formative ed eventuali curricula

Coerentemente con gli obiettivi formativi, la didattica del corso Magistrale in Design è organizzata attraverso un'alternanza di pratica e teoria, con laboratori interdisciplinari, discipline di progetto - dal prodotto, alla comunicazione, al design dei servizi -, corsi legati alle tecnologie, le scienze umane, l'economia, il management; il link stretto tra didattica e ricerca è affidato anche ai laboratori di ricerca presenti. L'interdisciplinarietà, sempre più richiesta dalla complessità del reale e dalla necessità di un'innovazione sistemica in grado di garantire la competitività, vede il design come protagonista in grado di svolgere una funzione di sintesi e catalisi dei diversi contributi. Un ruolo che il design è in grado di svolgere riguarda anche la sua capacità di esprimere un'innovazione non solo come risposta al mercato – market pull – o per l'applicazione di novità tecnologiche – technology push – ma capace di dare alle cose un senso, interpretando ed anticipando potenziali domande della società – design driven innovation.
Caratteristica del Corso è lo stretto rapporto con il sistema produttivo italiano e, più in generale con il territorio, che si concretizza in collaborazioni dirette, workshops, stage e ricerche, a rendere maggiormente applicativi i contenuti della formazione. 

Il corso è strutturato in un unico curriculum.
Le attività formative sono articolate in 2 anni di corso e in 4 semestri, seguendo un criterio generale di progressione delle conoscenze sia in rapporto ai singoli ambiti disciplinari, sia nel coordinamento tra loro che nell'approfondimento dei laboratori progettuali.
Il Corso è incentrato su laboratori interdisciplinari - con discipline di progetto ed altre di natura tecnica, economica, relativi alle scienze sociali, di rappresentazione. 
La tipologia didattica è caratterizzata da laboratori interdisciplinari - con attività di progetto e lezioni frontali. Il laboratorio costituisce la modalità didattica caratterizzante gli insegnamenti progettuali del corso di laurea.

Il Corso di laurea prevede 9 esami suddivisi in 4 semestri.
L'attività normale dello studente corrisponde al conseguimento di 60 crediti all'anno. Lo studente che abbia comunque ottenuto 120 crediti, adempiendo a tutto quanto previsto dalla struttura didattica, può conseguire il titolo anche prima della scadenza biennale.
Per quanto riguarda i crediti formativi, 1 CFU corrisponde a 25 ore di studio così suddivise: 8 ore assistite in aula, 17 ore di studio autonomo. 
Per quanto riguarda l'attività formativa a scelta, lo studente potrà scegliere tra tutte le materie attivate dall'Ateneo fiorentino, appartenenti a Corsi di Laurea Magistrale. Si consiglia comunque la frequenza di materie offerte dal Corso di Laurea Magistrale in Design - laboratori in alternativa.


Tipologia delle forme didattiche, anche a distanza, degli esami e delle altre verifiche del profitto

Le attività formative sono articolate in 2 anni di corso e in 4 semestri, seguendo un criterio generale di progressione delle conoscenze sia in rapporto ai singoli ambiti disciplinari, sia nel coordinamento tra loro che nell'approfondimento dei laboratori progettuali.
La tipologia didattica è caratterizzata da corsi integrati con lezioni frontali e relativo laboratorio.
Il laboratorio costituisce la modalità didattica caratterizzante gli insegnamenti progettuali del corso di laurea. Tale forma didattica abitua gli studenti a lavorare in team, quale modalità caratteristica della professione del designer, consente di ottenere un rapporto docente / studenti più equilibrato, di sviluppare una didattica più efficace e di favorire la regolarità del corso di studi. Oltre a lezioni ed esercitazioni, il laboratorio prevede attività didattica individuale o in piccoli gruppi attraverso la modalità delle revisioni. I laboratori consentono inoltre un approccio con le realtà produttive di riferimento.
Il percorso formativo è caratterizzato dalle discipline progettuali del settore scientifico disciplinare del Disegno Industriale (ICAR/13) con i relativi laboratori dove convergono le competenze specialistiche dei corsi singoli.
Non sono previste attività di didattica a distanza perché ritenute non adatte alla formazione di progettisti.

Nei Laboratori è obbligatoria la frequenza.

Modalità d'esame
Gli esami sono organizzati in colloqui orali e prove tecnico-grafiche, sia in aula che con preparazione di book di progetto.
L'accesso all'esame può essere subordinato, a giudizio del docente, alla presentazione dei risultati di esercitazioni (ad esempio nel caso dei laboratori) oppure al superamento di test scritti. In dettaglio le modalità saranno stabilite dai singoli docenti e comunicate attraverso la pubblicazione dei programmi sul sito www.designmagistrale.unifi.it.
La valutazione è espressa in trentesimi, con eventuale lode.


Modalità di verifica della conoscenza delle lingue straniere

Per la lingua straniera, da intendersi come altra lingua della Comunità Europea da scegliersi tra inglese francese, tedesco, portoghese e spagnolo, oltre l'italiano, il riconoscimento, necessario per essere ammessi al corso di laurea magistrale, viene effettuato sulla base di certificazioni rilasciate da strutture interne all'Ateneo o anche esterne appositamente accreditate; a tale fine sono valide anche le attestazioni di esami di lingua straniera sostenuti dagli studenti nel precedente corso di studi.
Il livello minimo previsto è il B2.


Modalità di verifica delle altre competenze richieste, dei risultati degli stages e dei tirocini

Per stages, tirocini, seminari e workshops sono previsti 12 CFU. I crediti - 12 CFU - potranno essere conseguiti attraverso un tirocinio da svolgersi in aziende che operano nel campo del Design; in studi e società di progettazione; in istituzioni ed enti pubblici o privati o comunque in tutti quei settori che esprimono una domanda di competenze specifiche di progetto. In alternativa i 12 CFU possono essere acquisiti attraverso la frequenza a seminari e workshop, fino a un massimo di 3 CFU, attivati dal Corso di Laurea in Disegno Industriale e dal Corso di Laurea Magistrale in Design di Firenze, previa approvazione del Consiglio di Corso di Laurea Magistrale.


Modalità di verifica dei risultati dei periodi di studio all'estero e relativi CFU

Il Corso di Laurea Magistrale in Design vede nelle esperienze di studio condotte all'estero un importante momento di scambio ed accrescimento culturale. La verifica dei risultati dei periodi di studio – progetti Erasmus – e l'attribuzione dei relativi CFU è affidata una commissione appositamente istituita dal Presidente del Corso di Laurea Magistrale, costituita da 3 docenti di ruolo.


Eventuali obblighi di frequenza ed eventuali propedeuticita

L'obbligo di frequenza (almeno 2/3 delle ore) è previsto per tutti gli insegnamenti del Corso di Laurea Magistrale.
Non esiste nessuna propedeuticità fra le discipline.


Eventuali modalità didattiche differenziate per studenti part-time

La possibilità di immatricolare studenti part-time è regolata dal Manifesto degli Studi. Al fine di garantire il percorso didattico agli studenti part-time e agli studenti lavoratori, ogni corso prevederà specifiche modalità didattiche compatibili con le esigenze degli studenti. Tali modalità saranno rese esplicite nell'ambito dei singoli programmi relativi ai diversi insegnamenti e pubblicate sul sito web del corso di studio. Lo studente che si trovi nella condizione di studente lavoratore presenterà al docente del corso una documentazione che ne certifichi lo stato al fine di predisporre modalità didattiche dedicate.


Regole e modalità di presentazione dei piani di studio

Il piano di studio è presentato secondo le modalità previste dal Regolamento Didattico di Ateneo.


Caratteristiche della prova finale per il conseguimento del titolo

Per essere ammesso alla prova finale (tesi di laurea) pari a 12 cfu - lo studente deve aver acquisito tutti i crediti nelle restanti attività formative previste dal presente regolamento.
La prova finale consiste nell'elaborazione e nella discussione di un progetto originale di un prodotto materiale (oggetto, d'uso, prodotto d'arredo, allestimento) o immateriale (comunicazione tradizionale e multimediale) o di un sistema prodotto completo, meglio se in stretto rapporto con il tirocinio effettuato.
Nel caso di un prodotto è richiesta anche la realizzazione di un modello o prototipo.

Il progetto di tesi è presentato attraverso disegni (schizzi, modellazioni 3D ed esecutivi) e corredato da una relazione tecnico-scientifica tesa ad evidenziare il contesto, le strategie di riferimento, la valenza innovativa ed originale della proposta, le potenzialità di inserimento nel mercato.
Se il risultato finale della tesi è un progetto di prodotto è richiesto un modello od un prototipo del progetto di tesi.
Il lavoro di Tesi avviene sotto la guida di un docente relatore e di eventuali correlatori.
La Tesi è finalizzata a verificare la completezza del percorso formativo attuato dallo studente.
Per conseguire la Laurea magistrale lo studente deve aver acquisito 120 crediti. 
Al termine della discussione, con parere positivo della Commissione, lo studente conseguirà il titolo di Dottore magistrale in Design.


Procedure e criteri per eventuali trasferimenti e per il riconoscimento dei crediti formativi acquisiti in altri corsi di studio e di crediti acquisiti dallo studente per competenze ed abilità professionali adeguatamente certificate e/o di conoscenze ed abilità maturate in attività formative di livello post-secondario

Il riconoscimento dei crediti acquisiti prima del passaggio al Corso è demandato al Comitato per la didattica del Corso di Laurea Magistrale, sulla base della congruenza delle attività seguite con gli obiettivi formativi del Corso e della corrispondenza dei relativi carichi didattici. Per ogni settore disciplinare i crediti acquisiti presso altre istituzioni universitarie nazionali e dell'Unione Europea sono riconosciuti nei limiti dei crediti attribuiti dall'ordinamento didattico del corso di studi. I crediti in eccesso possono essere riconosciuti nell'ambito delle attività a scelta libera dello studente fino ad un massimo di 12 CFU.
Per la prosecuzione degli studi di studenti provenienti da altro corso della stessa dell'Università di Firenze si applica il pieno riconoscimento dei crediti acquisiti in tutti i settori disciplinari presenti nell'ordinamento didattico del corso di studi che accoglie lo studente. Lo studente è comunque tenuto ad allegare alla domanda di trasferimento il proprio curriculum di studi ed un certificato con gli esami sostenuti in altre Università o strutture equiparate. Deve inoltre presentare i singoli programmi dettagliati dei corsi sostenuti per i quali richiede il riconoscimento di crediti se non si tratta di esami sostenuti in corsi di studio della stessa classe (ex 42 o L-4) dell'Ateneo fiorentino.


Servizi di tutorato

Come da normativa vigente, il Corso di Laurea Magistrale in Design fornisce un servizio di tutorato mediante l'opera di docenti di ruolo del Corso. In dettaglio, è previsto un servizio di tutoraggio per la didattica e un servizio di tutoraggio per i tirocini. Il tutor per i tirocini indirizza gli studenti nella scelta dell'azienda o studio professionale o altro ente in cui sarà svolto il tirocinio e ne segue, attraverso la documentazione prevista, l'iter.


Pubblicita su procedimenti e decisioni assunte

Le informazioni relative a decisioni assunte a livello di Consiglio di Corso di Laurea riguardanti la didattica, gli stage, la prova finale sono pubblicate sul sito del Corso di Laurea magistrale. Sul sito della Scuola sono pubblicati, ad opera dei singoli docenti, anche i programmi delle discipline e qualsiasi altra informazione utile allo svolgimento della didattica.


Valutazione della qualità

Il Corso di studi adotta il sistema di valutazione della qualità di Ateneo.
Nell'ambito di questi processi il Corso di studi attua il rilevamento della qualità delle attività svolte e raccoglie le opinioni degli studenti utilizzando il modello per la Valutazione della didattica predisposto dall'Ateneo.

 

 


Regolamenti di Ateneo

Manifesto degli Studi; Regolamento didattico di Ateneo

 
ultimo aggiornamento: 02-Ago-2017
UniFI Scuola di Architettura Home Page

Inizio pagina